A DRUG CALLED EXENATIDE, WHICH IS ALREADY LICENSED FOR THE TREATMENT OF PATIENTS WITH TYPE 2 DIABETES, SEEMS TO HAVE ALSO BENEFICIAL EFFECTS IN TREATING PEOPLE WITH PARKINSON’S DISEASE

The interpretation of the results by WeAreParky

This important finding was first reported on the Lancet.com (official link) website where on August 3, 2017 the outcome of a controlled clinical trial, conducted between June 2014 and March 2015 on 62 patients who had an average progression of Parkinson’s disease, was publicly disclosed .
The study (Phase II) took place over a period of time that lasted altogether 60 weeks.
Thirty-two (32) randomly selected patients were asked to self-administer a 2-mg dose of Exenatide by subcutaneous injections in addition to their regular medication regimen which remained unchanged.
Whereas the remaining thirty (30) patients, self-administered a 2-mg dose of a placebo.
Laboratory tests on blood and on spinal fluid were taken to ascertain the presence of Exenatide.
Furthermore, readings resulting from carried out clinical scales (UPDRS II) and scanned (DatScan) dopaminergic activity levels (reference : “the Michael J Fox Fundation” which funded the study) were used as a platform for Phase III final study, which as of yet did not start.
The released outcome, of the aforementioned controlled clinical trial, showed a noticeable improvement in the symptoms but the announcement or representation that there were no serious side effects, which could be directly related to the clinical study, proved to be equally important
The authors of the study in their conclusive statement relate that : “IT IS NOT CLEAR whether Exenatide has any influence on the pathophysiology (symptoms) or has any long-term bearing on the pathology itself (i.e., if it can stop neurodegeneration).”
In fact, the clinical studies whose aim was to figure out where to “place” or better yet if Exenatide has any influence or bearing in the treatment of PD, initiated in 2009 when the first animal laboratory experiments (Phase I) were carried out by Astrazeneca and Bristol Meyers Squibb on Byetta® and Bydureon®. At the time it was demonstrated that the stimulation of the GLP-1 receptor could potentially produce a neuroprotective effect in therapeutic treatment of Parkinson’s and Ischemia.
We also found a clinical study carried out in 2014 (Aviles-Olmos) which showed that the positive effects on symptoms indeed lasted one year past the date when the administered treatment was ended
Actually, this unique result represents a singular positive hope for potentially long-lasting effects…
Is Exenatide the cure for Parkinson’s that we have all along been waiting for ?
The best answer to this question was given by dr. Weiner of the MJFF who was responsible for “putting the money in to fund the study”.

And we quote :
“The trial results are intriguing, but the data is not sufficiently robust to point to a clear benefit for exenatide in PD. Definitively evaluating exenatide’s safety and efficacy in Parkinson’s would require a larger, well-designed multicenter trial. The mechanism of exenatide and similar drugs (i.e., GLP-1 agonists, such as liraglutide and lixisenatide), as well as previous supportive evidence, make them interesting therapeutic targets in Parkinson’s. Until more is known about their potential role in PD, though, patients are cautioned not to add them to their Parkinson’s regimens”

The full article.
At the following link you can download (pdf) the full article of the clinical study

Should the exenatide-based treatment work, how much would it cost in Italy ?
Currently, a kit that contains 4 – 2mg pen and one of Bydureon® would costs about € 500.00, on the basis of the regimen implemented for the clinical study it would require a kit per month.
To date, the “generic” of these drugs it is not available because it does not exist. There are rumors, though, that there is a generic Byetta® but it does not have the slow-release feature that, on the contrary, Bydureon® has, and so for this reason Byetta® requires two injections per day.

When will Phase III start ? you should ask Trump this !
The drug has already been approved by the FDA and it has been widely used in the treatment of diabetes.
Hence, it has already followed the approval process up to Stage III. According to the “21st Century Cures Act” so much sought by the Obama’s administration but currently strongly opposed by the new US President, Donald Trump, phase III in these times of “repositioning” or maybe better yet of restructuring phase III strictly may not have to be undertaken given that it could be possible to compress Phase II and Phase III in a single process which could involve a group of “only” 1-300 patients. This, in turn, would greatly reduce both the costs and the timing associated with the approval by the FDA of the drug as a viable treatment of PD.
Then, it would only remain to evaluate the real beneficial effects on the pathology seen in the short-to-medium-long term range. Source: The Science of Parkinson’s disease

The view of WeAreParky : Cure or Therapy (remedy) ?
In recent years, the aim of most clinical studies or researches undertaken for Parkinson’s disease are finally focused on seeking a cure.
Care and therapy have two very different meanings:
• The cure eliminates the pathology, that is, it “HEALS”
• Therapy helps to MANAGE the symptoms of the disease by acting in a beneficial way on the same symptoms.
Being a neurological disorder, and as it is commonly known that once the nerve cells are damaged unfortunately they can’t be repaired, this tends to complicate things even more
This means that even if we stop the neuro-degeneration the damage already done remains, obviously we can always try to work on rehabilitation.
PD implies that the affected population may be at one of the various progressives stages of the disease – which range from those who are yet not aware of their condition (pre-diagnosis ) to those in more advanced stages of the disease.
Hence any discussion whose topic is a “cure for Parkinson’s disease” should take in due consideration the progressive nature of the disease which is also time related.
Simply stated : let’s us hypothesize for a moment that all goes well and that the outcome of phase III confirms that Exenatide works well by treating the symptoms and stopping or slowing down neurodegeneration without causing any major side effects.
This would imply two very different meanings:
For the newly-diagnosed this would entail a cure
For all the others this would mean that we have a drug therapy that stops neurodegeneration and thus the worsening of the symptoms

We have sought the opinion of Italian neurologists. A number of known neurologists were asked to kindly provide their view on the above reported topic.
All the received answers will be published soon.

 

Translated by WeAreParky volunteer Pino Porpiglia (Thanks Pino 😉 )

Exenatide : farmaco anti-diabete sembra avere effetti benefici anche nella terapia del Parkinson – l’analisi di WeAreParky.

NEWS : Il parere della dott.ssa Morgante (13/09/20117)
“Il Prof. Foltynie ha fatto uno studio preliminare su pochi pazienti che l’ha portato a teorizzare che l’exenatide potesse essere un farmaco che rallenta la progressione di malattia (ossia neuroprotettivo). Da qui ha fatto questo studio su Lancet per capire comparato al placebo l’effetto dell’exenatide. Ora si vede che i pazienti che sono in terapia con Exenatide per un anno hanno una stabilità del loro UPDRS (che migliora di 1 punto, ossia è irrilevante), ossia la scala usata per valutare il Parkinson. Mentre quelli in palcebo hanno un peggioramento di 2 punti (che è la media del peggioramento dell’UPDRS se il Parkinson non è trattato). Loro stessi scrivono che non sanno se ciò si deve ad un vero effetto neuroprotettivo oppure sintomatico, ossia che exenatide funziona lievemente sui sintomi parkinsoniani. Una cosa simile successe con Jumex ed Azilect per cui gli entusiasmi furono molto elevati, poi si capiì che avevano solo effetto sintomatico.

Quindi, questa è un ricerca interessante, ma non ci sono dati per dire che exenatide blocca il Parkinson. In atto ci sono sperimentazioni sull’uomo con un razionale molto più forte di exentide nel rallentare la malattia, come gli anticorpi monoclonali control l’alfa-sinucleina. Tale sperimentazione sarà presto iniziata in centri italiani.

Spero di essere stata chiara e ti spiego cosa ho scritto ai miei pazienti. Se già fanno exenatide per il diabete, ovviamente continuatela. Ma non si può prescrivere questo farmaco a pazienti non diabetici sulla base del fatto che si è fatto uno studio su 60 persone al mondo e che fra l’altro per dirti la verità non è che stia presentando questi risultati pazzeschi.”

La notizia originale viene riportata dal portale Lancet.com (link ufficiale) il 3 agosto 2017 che in verità riporta l’esito di un trial (una sperimentazione) realizzata tra giugno 2014 e marzo 2015 su 62 pazienti con uno stadio di avanzamento medio della malattia di Parkinson. Lo studio (fase II) è durato in tutto 60 settimane. A 32 pazienti selezionati in modo casuale è stato chiesto di autosomministrarsi  una dose di 2 mg a settimana di Exenatide tramite iniezioni sottocutanee in aggiunta alla terapia abituale che non è stata modificata. Agli altri 30 pazienti è stato invece fornito un placebo. I test sulla presenza dell’exenatide sono stati fatti sia a livello ematico che di liquido spinale. Sono stati effettuati inoltre rilevamenti tramite scale cliniche (UPDRS II) e scansioni dell’attività dopaminergica (DatScan), fonte Michael J Fox Fundation che ha finanziato lo studio, il cui obiettivo era fornire una piattaforma per uno studio finale di Fase III che ad oggi non è stato ancora avviato.
Lo studio ha evidenziato un evidente miglioramento della sintomatologia e di fatto non sono stati evidenziati eventi avversi seri riconducibili direttamente alla sperimentazione. Gli autori dello studio nelle conclusioni dichiarano : “NON E’ CHIARO se l’exenatide influenza la patofisiologia (sintomi) o se ha effetti a lungo termine sulla patologia vera e propria (cioè se arresta la neurodegenerazione)”.

In realtà gli studi sul “riposizionamento” dell’exenatide sul Parkinson si svolgono dal lontano 2009 quando sono stati fatti i primi esperimenti sugli animali (Fase I) dalla Astrazeneca e dalla Bristol Meyers Squibb sui farmaci Byetta® e Bydureon®, in particolare all’epoca si rilevò un potenziale effetto neuroprotettivo nella terapia del Parkinson e delle ischemie, effetto dovuto alla stimolazione del ricettore GLP-1.

Abbiamo inoltre trovato uno studio del 2014 (Aviles-Olmos) che rileva effetti positivi sulla sintomatologia anche nei successivi 12 mesi alla fine della somministrazione. Questo è l’unico rilevamento che fa ben sperare su eventuali effetti “a lunga durata”.

L’Exenatide è la cura per il Parkinson che aspettavamo ?

La risposta migliore a questa domanda l’ha fornita chi “ha tirato fuori i soldi”, il dr. Weiner della MJFF :

“I risultati dello studio sono stimolanti ma i dati non sono sufficientemente “robusti” per dichiarare che la exenatide possa avere effetti benefici nella terapia del Parkinson. Per definire la exenatide sicura ed efficacia nella terapia del Parkinson serve uno studio più vasto e multicentrico ben progettato. Il meccanismo di funzionamento dell’exenatide e di medicine similari (come liraglutide e lixisenatide), così come rilevato da precedenti studi, li rende interessanti come obiettivi da approfondire. Finché non verrà però chiarito il ruolo potenziale di queste sostanze nell’ambito del Parkinson, i pazienti sono fortemente sconsigliati di aggiungerli alle loro terapie.”

Lo studio completo originale

Al seguente link potete scaricare il PDF completo dello studio originale.

Ma se funzionasse la terapia basata su exenatide quanto costerebbe in Italia ?

Un kit con 4 penne da 2 mg l’una di Bydureon® attualmente costa circa 500,00 €, sulla base dello studio si renderebbe necessario un kit al mese.

bydureon_pen_imageAd oggi non esiste un “generico” di questi farmaci. Si vocifera di un generico del Byetta® che però non ha la caratteristica di lento-rilascio che invece ha il Bydureon®, per questo Byetta® richiede due iniezioni al giorno.

byetta-39

Quando la Fase III ? Chiedetelo a Trump !

ap-16348770159820

Il farmaco è già sul mercato approvato dalla FDA per la terapia del diabete. Quindi ha già seguito l’iter di approvazione fino alla Fase III. Secondo il “21st Century Cures Act” tanto voluto dall’amministrazione Obama e tanto avverso dal nuovo presidente USA, Donald Trump, la fase III in questi casi di “riposizionamento” non sarebbe strettamente necessaria consentendo di comprimere Fase II e III in un unico processo che potrebbe coinvolgere un gruppo di “soli” 1-300 pazienti. Questo ridurrebbe moltissimo sia i costi che i tempi di approvazione del farmaco da parte di FDA per la malattia di Parkinson.

Resterebbero da valutare i reali effetti benefici ed a corto-medio-lungo termine sulla patologia. Fonte : The Science of Parkinson’s disease

Il pensiero di WeAreParky : cura o terapia ?

L’obiettivo della maggior parte delle ricerche condotte sulla malattia di Parkinson è finalmente focalizzato sulla ricerca di una cura.

Cura e terapia hanno due significati ben diversi :

  • La cura mette fine alla patologia, cioè si “guarisce”
  • La terapia aiuta a gestire la patologia agendo in modo benefico sui sintomi

Parlando però di malattia neurologica la cosa diviene ancora più complessa perchè come sappiamo le cellule nervose una volta danneggiate non possono essere riparate. Questo significa che anche se fermassimo la neurodegenerazione, i danni fatti restano, possiamo ovviamente sempre lavorare sulla riabilitazione.

Nel caso della malattia di Parkinson, dove la popolazione colpita si trova in diverse fasi della malattia – che vanno da coloro che non sono ancora a conoscenza della loro condizione (pre-diagnosi) a quelli in stadi più avanzati della malattia. La discussione di una “cura per la malattia di Parkinson” deve essere quindi focalizzata a livello temporale.

In parole semplici : ipotizziamo che tutto vada bene ossia che la fase III determini che l’Exenatide funzioni bene agendo sui sintomi e fermando o rallentando la neurodegenerazione senza avere effetti collaterali importanti. Si configurano due significati ben diversi :

  • Per un neodiagnosticato avremmo la cura.
  • Per gli altri avremmo una terapia farmacologica che ferma la neurodegenerazione interrompendo il peggioramento dei sintomi

Il parere dei neurologi italiani

Abbiamo chiesto a molti amici neurologi cosa ne pensano, speriamo di poter pubblicare presto le loro risposte.